Translate

Chi cerca... Trova!

mercoledì 4 settembre 2013

300: Franck Giroud e Jean-Paul Dethorey – Louis Ferchot



Glénat Italia, 1988
(Francia, Louis la Guigne, 1982-1985)
E... voi? Siete un artista anche voi?”
Lascia perdere le mondanità, soldato! Il voi si addice agli aristocratici e qui siamo tutti fratelli!”
(Dialogo tra Louis e l'anarchica Luciana)

Franck Giroud e Jean-Paul Dethorey
Rileggere fumetti a distanza di oltre vent'anni è quanto di meglio possa capitare. Se poi lo si fa in giornate spensierate, dedicate completamente alla lettura, può risultare addirittura sorprendente. Fateci caso: molti fumetti che abbiamo letto all'inizio del nostro percorso nel mondo delle nuvole parlanti non ci hanno lasciato un grande segno. Insomma non sono stati eclatanti come la lettura di Corte Sconta detta Arcana o Batman Anno Uno, colpevole, forse, la nostra giovane età in cui si peccava non poco di ingenuità.
Rileggendo Louis Ferchot ho avuto una di quelle belle, sane emozioni che non provavo da tempo; leggevo e, mentre lo facevo, mi accorgevo che stavo leggendo una serie di storie di pura, sana e bella avventura. Se a questo aggiungete anche una ricchezza di riferimenti storici e un giusto concentrato d'azione, allora potete tranquillamente ritenervi soddisfatti.
Le strade parigine ricreate artisticamente da Dethorey.

Perché questa breve saga dello sceneggiatore Franck Giroud e del disegnatore Jean-Paul Dethorey ha il pregio d'immergere piacevolmente il lettore in un periodo storico che si pone tra le due guerre mondiali; questo grazie ai testi straordinariamente scorrevoli e a un disegno che, nonostante uno stile in via di definizione (Dethorey veniva da un disegno umoristico), riesce a ricreare l'affascinante e drammatico scenario in cui si muove il nostro schivo e imprevedibile protagonista.
Louis è reduce da cinque anni di guerra e due di prigione per atti rivoluzionari nel Mar Nero; e in effetti l'indole rivoluzionaria sembra radicata in quest'uomo dal volto consumato e triste ma pieno di rabbia per l'omicidio della madre. Per scovare il responsabile, Louis si unisce a un'organizzazione di anarchici che cercano di aiutarlo ma non tutto va per il verso giusto e Luois è costretto a cambiar aria; conoscerà una ballerina serba, Nadia, di cui s'innamorerà ma il loro amore sarà messo a dura prova a causa di un trauma subito da Nadia e dall'attrazione che Louis prova per Ellen un'ambigua e affascinante donna che si muove nell'alta società berlinese corrotta e perversa.

Il gruppo anarchico in cui Louis trova dei valenti amici pronti a combattere per una buona causa. 
L'Europa in cui si muove Louis è profondamente cambiata e ha cambiato il suo stesso popolo a causa della prima guerra mondiale e la ripresa è solo apparente visto che i piccoli segnali di un'altra e più sanguinosa guerra si stanno lentamente spargendo per il vecchio continente. Soprattutto in Germania vediamo Luois e i suoi compagni di ventura assistere alla radicalizzazione dello spettro nazionalsocialista, che di lì a qualche anno avrebbe portato l'Europa a conseguenze ben più tragiche.
Uno scenario perfetto, dunque, per un esempio di fumetto che si legge con lo stesso gusto con il quale si guarda un bel film; dal Mar Nero alla Parigi del 1911, dominata da un crescente potere imprenditoriale sporco e meschino di cui è vittima un popolo stanco e affamato; tra rivoluzioni operaie e intrighi di potere, Louis Ferchot si muove come un eroe idealista pronto a pagare in prima persona per un solo grammo di giustizia: “...Non posso credere che il paese per il quale mi sono battuto durante cinque anni sia marcio fino al midollo!”.
Un pensiero che suona come un inno all'inutilità della guerra. Perché se le avventure narrate da Giroud e Dethorey esprimono un senso d'avventura e di storia allo stato puro, vi garantisco che in ogni cazzotto tirato da Louis c'è la rabbia di un uomo che combatte la sua battaglia per un mondo migliore.

Nadia e Louis: un amore vero, intenso e difficile.

Curiosità

In Italia, le avventure di Louis Ferchot furono pubblicate in sette volumi brossurati dalla Glenat Italia nella bella collana Le Avventure della Storia con i seguenti titoli: L'altalena del destino, Moulin Rouge e Autunno Berlinese racchiusi nell'edizione consigliata; seguono Il giorno dei Falchi, La squadriglia Purpurea, Charleston e I Vagabondi di cui, a quanto pare, non venne realizzato il secondo volume.

Edizione consigliata

Come qualità non si discosta dai volumi brossurati pubblicati sempre dalla Glenat Italia, se non per la cover cartonata.

Altre edizioni

Al momento nessuna oltre a quella consigliata e ai volumetti nella collana Le Avventure della Storia editi tra il 1987 3 il 1992.
Alcuni albi di Louis Ferchot all'interno della collana Le Avventure della Storia.

domenica 1 settembre 2013

300: Vittorio Giardino – Rapsodia Ungherese

Lizard Edizioni, 2004
(Italia, Rapsodia Ungherese, 1982)


Lei lo sa cosa c'era dentro quella dannata nave, vero?”
Non c'era niente, Fridman, era solo un'orribile costosissima trappola. Era l'operazione Lepre, e noi le abbiamo corso dietro come stupidi levrieri per mezza Europa. Proprio a questo è servita: a non farci accorgere di cosa stava succedendo dietro casa.”
(Dialogo tra Max Fridman e Ledoux)

Un bellissimo autoritratto di Vittorio Giardino.
È tutto perfetto nei fumetti di Vittorio Giardino. I personaggi sono perfetti così come le loro espressioni e le loro caratterizzazioni; sono perfetti i costumi come gli scenari, sono perfetti i palazzi con i loro tetti pieni di tegole, i lampioni, i ponti, i locali notturni; sono perfette le auto e anche le moto, i treni, le navi e gli aeroplani. Sono perfetti anche gli oggetti all'apparenza di poco conto: i sigari, le tazze da tè, i telefoni, i libri, i manifesti per le strade, le lampade, oggetti che nella loro resa perfetta rappresentano l'impeccabilità del lavoro di Vittorio Giardino, paragonabile ad un romanzo in cui è impossibile trovare una virgola fuori posto.
E naturalmente è perfetto Max Fridman, il personaggio più noto di Giardino, quello con cui l'autore bolognese raggiunge la piena maturità come autore completo.
Rapsodia Ungherese è il bellissimo titolo che accompagna la prima avventura di Max Fridman, agente dei servizi segreti francesi in pensione: in questa storia qualcuno sta uccidendo i componenti di “Rapsodia”, un nucleo dei servizi segreti francesi e Fridman viene richiamato in servizio per recarsi a Budapest e cercare di scoprire chi si nasconde dietro questi omicidi. Ma una volta giunto nella capitale ungherese, il buon Max si trova immischiato in una serie di avvenimenti che renderanno la vicenda piuttosto complessa, sia per lo stesso Fridman sia agli occhi del lettore che seguirà senza fiato la storia: tentati omicidi e omicidi veri e propri, sparatorie ed esplosioni si accavallano e si alternano ad inseguimenti e personaggi subdoli che danno non poco filo da torcere al protagonista il quale cercherà di risolvere l'intricata matassa di cui è, suo malgrado, parte integrante.
L'eleganza e la cura nel dettaglio sono alcuni degli 'ingredienti' vincenti di Vittorio Giardino.
Personaggio affascinante e misterioso (di lui sappiamo poco: ha una figlia, vive a Ginevra ed è ricattabile dai suoi superiori per via del suo oscuro passato), Max Fridman è il perfetto alter ego con cui Vittorio Giardino racconta la sua passione per la storia, per il cinema, per i generi come il giallo, il controspionaggio e le atmosfere di guerra (in Rapsodia Ungherese siamo alle soglie della seconda guerra mondiale). Non è il solito agente segreto alla James Bond; non ha particolari armi fantascientifiche cui ricorrere nelle situazioni di estremo pericolo. Siamo agli albori della seconda guerra mondiale e le uniche armi di cui un uomo come Fridman può disporre sono la sua intelligenza, la sua cultura e la sua conoscenza politica. L'intuito e l'intraprendenza sono ciò di cui si serve per tirarsi fuori dai pasticci, per aiutare la bella compagna di viaggio Etel, ma anche per resistere alle provocazioni della bella e sensuale Olympia. Giardino delinea un Friedman con tutte le qualità dell'eroe che alla fine riesce sempre a cavarsela, ma che mostra anche la sua vulnerabilità: vediamo il nostro protagonista accettare la missione per proteggere la figlia e tremare dalla paura dopo lo scoppio di un ordigno; tutti sintomi caratteriali dell'antieroe, tipologia di personaggio molto in voga negli anni '80.

Vittorio Giardino: eleganza stilistica e grande ricchezza nel dettaglio.
Giardino, però, non si distingue solo per quanto detto finora; uno dei tratti certamente peculiari di questo artista è il magistrale uso della ligne claire, estremamente ricca ed espressiva, che ci catapulta letteralmente nelle atmosfere orientali delle sue storie, grazie alla perfezione del dettaglio in ogni singola vignetta; l'eccellente uso del colore richiama anch'esso le tonalità dei paesaggi e della cultura orientale; un oriente che rappresenta per Giardino una sorta di amore/passione personale che l'autore bolognese non mancherà di ribadire in altre sue opere.
Rapsodia Ungherese è il primo vero capolavoro di questo impavido maestro del fumetto italiano, ultimo “sopravvissuto” di una generazione di autori irripetibili: da Pratt a Pazienza, da Magnus a Micheluzzi, Giardino mantiene alta la bandiera del comics italiano nonostante la sua arte sia più amata in Francia; ennesima prova dell'avanzamento culturale dei nostri cugini d'oltralpe.
Vittorio Giardino, classe 1946, che a trentuno anni suonati abbandonò una professione sicura per dedicarsi a una più misteriosa: il fumetto. E dal quel lontano 1979, anno in cui fu pubblicata la prima storia di Sam Pezzo, questo ex ingegnere ha fatto della sua passione la sua professione, dando al mondo dei comics un contributo per certi versi ineguagliabile.
Rapsodia Ungherese: un bell'esempio della ricerca compositiva e scenografica. 

Curiosità

Rapsodia Ungherese fu pubblicata inizialmente sui primi quattro numeri della splendida rivista Orient Express, prima avventura di Max Fridman a cui faranno seguito La Porta d'oriente di tre anni successiva e il ciclo di tre storie No Pasaran pubblicato tra il 2000 e il 2008.

Edizione Consigliata

Sempre molto attenta alla qualità delle sue edizioni, anche questa volta la Lizard propone Rapsodia Ungherese in un volume cartonato di grande formato e con una bella prefazione di Vittorio Giardino, corredata con alcune illustrazioni in bianco e nero dell'autore.

Altre edizioni

Sono diverse le edizioni in volume che raccolgono Rapsodia Ungherese e tutte comunque valide; a partire da quella, storica, delle Edizioni l'Isola Trovata: volume cartonato a colori pubblicato nel 1982. Da segnalare anche quella degli Editori del Grifo (collana La Nuova Mongolfiera n. 32). Molto validi anche i due volumi allegati ai periodici L'Espresso e Panorama (usciti rispettivamente nel 2006 e nel 2009) e che oltre a Rapsodia Ungherese ripropongono anche la seconda avventura di Max Fridman.
Discreta l'edizione realizzata in allegato a La Repubblica (I Classici del fumetto n. 20).
Alcune edizioni di Rapsodia Ungherese: L'isola Trovata, L'Espresso e Mondadori.