Translate

Chi cerca... Trova!

300





Corto Maltese di Hugo Pratt.

In primis perché non ne potevo più di avere librerie piene di interminabili serie inclassificabili, come gli spillati dei super eroi, i Bonelli, per non parlare degli interminabili albi tascabili di Diabolik e Topolino. Tutto il fumetto può essere perfettamente raccontato in 300 libri che racchiudono gli eroi più grandi, i più noti e i meno noti, quelli di culto e quelli quasi sconosciuti, i capolavori consolidati e quelli da (ri)scoprire.
Insomma una bella libreria che contenga 300 bei volumi (cartonati o brossurati che siano) che possono comporre una biblioteca essenziale del fumetto.
La domanda è lecita: perché 300 e non 100 o 200 o addirittura 500 o 1000?
Diciamo che quando si stilano le varie classifiche di libri, film ecc... il numero preferito è sempre quello: 100 (anche se ultimamente il 1001 sta spopolando).
Ma stilando una simile classifica finirei con inserire una sola opera per ogni autore o personaggio e questo non sarebbe corretto in una biblioteca essenziale sul fumetto. Perché non si può inserire Una ballata del mare salato e lasciare opere come Corte sconta detta arcana e Favola di Venezia. Così come non si può scegliere tra tutte le creazione della coppia Lee-Kirby o Berardi e Milazzo una sola opera. Per questo il numero 300 è perfettamente appropriato allo scopo: racchiudere il meglio del fumetto abbracciando un vasto periodo di tempo.
L'elenco dei 300 titoli che ho scelto non verrà reso pubblico. Amo le sorprese.
Vi basti sapere che il fumetto sarà visto a 360 gradi: dalle meraviglie di Little Nemo alle avventure di Terry e i pirati, passando per le magie di Mandrake fino alla fantascienza adulta di Jeff Hawke, dalle revolverate di Tex Willer, alla poesia di Ken Parker, passando per l'Argentina di Hosterheld e Quino, al Giappone di Tezuka e compagni fino ad approdare alla recente generazione di autori del nuovo millennio. Tutti i generi trovano spazio in "300".
Pertanto gli articoli verranno postati senza seguire un preciso ordine e poi verranno archiviati per decennio.
Prince Valiant di Hal Foster.


300: trecento "libri" per comporre una biblioteca essenziale sul fumetto

Alberto Breccia
Non una classifica quindi ma soltanto una guida per tutti coloro che vogliono conoscere il meglio dei fumetti degli ultimi 100 anni.
Non è stato facile scegliere 300 libri con lo scopo di formare una biblioteca essenziale o quantomeno che non lasci scoperto qualche decennio da quando il fumetto è stato creato.
Per fortuna ogni decennio ha i suoi capolavori e bene o male molti sono arrivati nel bel paese. Non tutte le edizioni sono bellissime: alcune peccano in qualità di stampa, ma bisogna tenere conto anche del periodo in cui sono state realizzate. In alcuni casi, ho preferito privilegiare un'edizione degli anni '60 o '70 piuttosto che la recente ristampa più facilmente reperibile. Vi sembrerà strano ma anche la stampa, il profumo della carta ruvida o la stampa retinata emana il suo fascino nel lettore.
Uno dei criteri di scelta più importanti è stato quello di giudicare l'opera in base alla storia; non quindi un disegno tecnicamente ineccepibile ma piuttosto incline a un maggiore senso della narrazione. Per esempio un'opera come Astro City ha una grande storia alla base, servita con dei disegni onesti, che accompagnano gradevolmente la narrazione senza eccellere artisticamente. Questo si può dire più o meno per tutti i capolavori di Alan Moore: grandissimo impatto narrativo, ma disegni non all'altezza della storia (con qualche eccezione). Contrariamente autori come Miller, Pratt, Breccia o Berardi e Milazzo, nelle opere presenti in "300" hanno sempre saputo coniugare le due cose: grande storia raccontata con immagini meravigliose.
Ad esempio nella "scuderia Bonelli" esistono diversi artisti eccellenti ed è un vero delitto escludere talenti come Luigi Siniscalchi o Andrea Venturi (tanto per citarne due tra i più bravi) ma le regole sono regole e nonostante l'enorme talento artistico che li contraddistingue, i due non hanno ancora avuto uno sceneggiatore che gli abbia servito il capolavoro (ma c'è ancora tempo). Contrariamente, un artista come Giampiero Casertano ha avuto la fortuna di lavorare con un Tiziano Sclavi in forma smagliante e di realizzare capolavori assoluti come Memorie dall'invisibile e La casa degli uomini perduti, e se anche non realizzasse nient'altro nella sua carriera, entrerebbe a pieno titolo nella storia del fumetto italiano e quindi in questa ideale biblioteca.
Zanardi - Torneo di Andrea Pazienza.

Le regole del gioco

Per fare un gioco bisogna abbozzare qualche regola. Di seguito quelle che mi hanno aiutato nella scelta dei 300 volumi.

  1. Questo è un elenco essenziale dei migliori fumetti usciti sotto forma di libro, cartonato o brossurato che sia, formato microscopico o gigantesco, 50, 100, 1000 pagine non ha importanza. Purché sia “libro”.
  2. Le virgolette sono d'obbligo; vengono esclusi i periodici mensili tipo Bonelli, Star Comics ecc.., edizioni spillate di super eroi e simili, a meno che non siano stati racchiusi e pubblicati in volume (es. Tex contro Mefisto, ed. Mondadori) o in edizioni pregiate (ad esempio Dylan Dog collezione Book o la serie I Protagonisti di Rino Albertarelli).
  3. Ho tenuto conto, invece, dei vari albi fuori serie come il Texone o il Mister No di C'era una volta a New York uscito come speciale maxi; sono dei fuori collana e pertanto vanno ritenuti come volumi in tutto e per tutto.
  4. Un discorso a perte meritano le collane uscite in edicola come Un uomo un 'avventura (L'uomo delle Paludi, L'uomo di Tsushima, ecc...) o I Protagonisti (Rosso Stenton, ecc...): anche se registrati come periodici hanno la valenza di veri e propri libri. Alcuni periodici tipo I Quaderni del fumetto, sono stati presi in considerazione in quanto unica edizione sotto forma di libro di alcuni personaggi come Big Ben Bolt o Procopio di Lino Landolfi.
  5. Jack Kirby
    Per alcuni personaggi seriali quali Flash Gordon, Steve Canyon, Batman ecc., che uscivano periodicamente sui quotidiani americani, sono stati presi in considerazione i volumi che racchiudono una determinata avventura o più avventure fortemente rappresentativa dell'autore (es.: Flash Gordon - La regina delle nevi di Alex Raymond) oppure un'opera fortemente rappresentativa (es.: Batmana The Killing Joke di Moore e Bolland).
  6. Ho cercato, per quanto possibile di evitare i volumi allegati ai periodici (una delle ultime mode dei quotidiani); niente in contrario ci mancherebbe, ma prediligo sempre le varie edizioni pubblicate dalle case editrici specializzate e non o che per prime hanno avuto il merito di far conoscere l'opera in Italia; ma devo anche ammettere che in alcuni casi (per esempio i volumi di Gottfredson allegati al Corriere della sera) da parte dei vari quotidiani è stato fatto un gran bel lavoro a livello editoriale.
  7. Nella scelta di un'edizione a discapito di un'altra della stessa opera ho cercato di tenere conto (per quanto possibile) della reperibilità della stessa, sia essa su internet, in fumetteria o nelle fiere, cercando di limitare gli albi di edizioni amatoriali e simili. Non essendo facile il compito ho cercato di scegliere dei volumi che siano stati regolarmente distribuiti nel circuito librario. Ma anche qui ammetto eccezioni.
  8. Nella biblioteca ideale dei 300 libri essenziali ho riservato un piccolissimo spazio ai cosi detti volumi contenitori, e cioè quei volumi che raccolgono storie di autori vari come nel caso del volume dedicato alle Tijuana Bibles. Ovviamente si tratta di volumi che vale la pena possedere.
  9. Un discorso a parte va fatto per i manga; questo genere rappresenta un po' l'eccezione alla regola (o meglio alle regole) anche se parzialmente. Dico parzialmente perché ho cercato di inserire opere auto conclusive in un unico volume ma non sempre è stato possibile; ma di certo non potevo escludere un autore come Osamu Tezuka. È impensabile una biblioteca di fumetti senza il Dio dei manga.
  10. Questa è una biblioteca di libri a fumetti e non sui fumetti, pertanto viene escluso qualsiasi tipo di saggio critico scritto o disegnato, come anche libri illustrati ed enciclopedie varie: onestamente ci vorrebbe una biblioteca a parte.
  11. Ho deciso di suddividere i post in decenni: dagli anni '30 fino all'inizio del 2000 e oltre, non dimenticando le origini dell'ottocento e il primo ventennio del novecento. Credo che faciliti di più la lettura e la scelta del post da leggere in base al periodo preferito.
  12. Pogo di Walt Kelly.
    Dopo vari ripensamenti ho deciso di inserire anche le opere successive al 2000, quelle che hanno inaugurato il nuovo millennio. È un azzardo, perché se di un'opera come V per Vendetta abbiamo la certezza che se ne parlerà nei secoli a venire, di opere come Blankets di Craig Thompson o Tre ombre di Cyril Pedrosa non ne siamo sicuri; non ci piove sulla loro bellezza e sulla qualità ma bisogna vedere se resisteranno al tempo. Ma è anche vero che uno degli scopi di 300 è quello di far riscoprire alcuni autori meno conosciuti come Alberto Fremura o Roberto Bonadimani. È un gioco e quindi bisogna azzardare dei titoli.
  13. Se opere come Watchmen, Una ballata del mare salato, o Tom's Bar non fossero state racchiuse in volume, sarebbe stato un problema (ricordiamoci che la maggior parte dei capolavori uscivano a puntate su albi mensili e periodici vari) in quanto opere simili sono essenziali in una fumettoteca. Per fortuna gran parte di queste preziosissime opere hanno trovato ben più d'una edizione ma altri attendono fiduciosi. Per esempio: è assurdo che di una delle più belle storie a fumetti di sempre, Memorie dall'invisibile (Dylan Dog) non sia mai stata fatta un'edizione cartonata, o che comunque valorizzi un simile capolavoro, cosa che invece è avvenuta per storie dell'indagatore dell'incubo di ordinaria routine. Ma ho trovato la soluzione affinché la storia di Sclavi e Casertano abbia avuto il suo posto in 300.
  14. I 300 libri selezionati rappresentano, più o meno, opere da tutto il mondo. Ma bisogna tenere conto che se abbiamo una buona conoscenza del fumetto americano, argentino, francese e, naturalmente, italiano, non sappiamo granché di quello venezuelano, greco o libanese, così come se conosciamo e amiamo il fumetto giapponese non abbiamo grande familiarità con quello cinese.
  15. In 300 i libri selezionati sono stati pubblicati almeno una volta nel nostro paese. Ma anche qui mi sono dovuto concedere qualche piccola eccezione. Vi sono nomi illustri per cui non esiste un volume in lingua italiana in quanto le loro opere sono apparse sporadicamente su riviste o simili. Pertanto mi scuserete se ho prediletto qualche volume in lingua straniera. Ma tranquilli, sono eccezioni rarissime.
  16. Non ho voluto dilungarmi su analisi critiche che comporterebbero fiumi di parole; ho preferito realizzare dei post brevi e concisi che possano dare un'idea chiara del fumetto in questione invitando chiunque a leggere le varie opere. Non ho prediletto una precisione accurata delle date e di altre cose che distoglierebbero dal compito che 300 si prefissa: invogliare ed aiutare l'aspirante fumettaro a una conoscenza del fumetto più o meno completa. Tengo a ricordare che 300 non è un trattato di storia del fumetto.
  17. In alcuni casi ho privilegiato i cofanetti (La storia dei 3 Adolph di Osamu Tezuka) contandoli come volume unico.
  18. Se durante il corso di pubblicazione di 300, vi fossero delle nuove edizioni meritevoli rispetto a quelle consigliate, mi riserverò il diritto di cambiarle.
Calvin and Hobbes di Bill Watterson.

Guida alla lettura

Ogni post segue più o meno quest'ordine:

Titolo dell'opera (laddove l'opera fosse un episodio tratto da una serie, questa verrà evidenziata tra parentesi. Esempio: Memorie dall'invisibile (Dylan Dog), preceduto dal nome degli autori o dell'autore se singolo.

Cover del volume con indicate in evidenza la casa editrice e l'anno di pubblicazione, mentre tra parentesi verrà indicata la nazionalità dell'opera, il titolo originale (se trattasi di opera straniera) e l'hanno della prima uscita al pubblico del fumetto.

Segue l'articolo correlato quasi sempre dalla foto dell'autore del volume in questione e da varie immagini tratte dallo stesso. A volte le immagini scelte possono differire da quelle dell'edizione consigliata (ad esempio edizione a colori e immagini postate da un'edizione in bianco e nero o prese da un'edizione differente).

Dopo l'articolo seguono due voci: Curiosità e Altre edizioni. Nella prima vengono segnalati aneddoti, recensioni e quant'altro sul fumetto in questione; nella seconda vengono evidenziate altre edizioni degne di nota da poter scegliere in caso di difficile reperibilità di quella originale.
Al tempo di papà di Jiro Taniguchi.

300: Conclusione.

Ricordatevi che errare è umano e l'infallibilità non esiste. Qualsiasi errore abbia commesso o qualunque parere vogliate esprimere non esitate a farlo.
Grazie a tutti e buona lettura.

Ned

17 commenti:

  1. Ti ho spammato alla grande qui:

    http://hulkspakk.blogspot.it/2012/10/300-libri-per-una-biblioteca-essenziale.html

    Perchè ce n'era bisogno. :)

    RispondiElimina
  2. Una domanda: nella tua lista di 300, troveranno spazio anche fumetti degli anni 00? Non che mi venga in mente nulla di eccezionale del decennio appena trascorso, sono solo curioso:)

    RispondiElimina
  3. Si ci saranno delle opere post 2000... anche se sarà un azzardo in quanto, forse, è ancora troppo presto per capire se di un fumetto come Blankets (tanto per citarne uno) se ne parlerà tra un'altra decina d'anni così come se ne parla ora... però dei nomi mi sento già di farli e quindi saranno presenti... Comunque uno degli scopi di 300 è quello di far conoscere anche gli artisti meno conosciuti al grande pubblico (vedi l'ultimo post dedicato ad Alberto Fremura), ma che con la loro arte si sono guadagnati un posto d'onore nella storia dei comics e nella libreria essenziale di 300!!
    Grazie Munky!!

    RispondiElimina
  4. E grazie di cosa? Grazie a te semmai!:)
    Guarda, ci ho pensato tutto ieri ed in effetti hai ragione, qualcosa anche negli anni 00 si trova (tipo il Punitore di Ennis ma anche altro). La tua è comunque una iniziativa davvero bella, alcuni volumi li ho appuntati per comprarli non appena avrò soldi/tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e speriamo presto va... così vedrai le meraviglie che il fumetto ha prodotto:)...

      Elimina
  5. Ti prego, dimmi che inserirai qualcosa di Tsutomu Nihei e di Enki Bilal!!!

    RispondiElimina
  6. Caro Giovanni... non ti resta che seguire 300 per scoprirlo:)...
    Diciamo che uno dei due è sicuramente meritevole, a mio giudizio ovvio, di entrare in 300... perché dotato di grande estro creativo!!!
    Ma come avrai potuto leggere sopra, l'elenco dei 300 (che per carità può essere soggetto a rari ripensamenti) non è reso pubblico perché amo le sorprese... Segui e scoprirai:)..
    Grazie mille e a presto!!

    RispondiElimina
  7. vedi che ti sei dimenticato PALACIOS

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono ancora 280 opere... devi avere pazienza:)....

      Elimina
  8. Massimo Rispetto & complimenti x il buon gusto , molta di questa roba sembra arrivare dagli scatoloni dove è riposta la mia biblioteca da dopo il trasloco ; se hai un attimo di tempo potresti dare un'occhiata al mio blog
    http://silvano-waltdisneyisnotmydad.blogspot.it/
    , e mi diresti che te ne pare delle mie cose ?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Silvano,

      avevo già dato un'occhiata veloce al tuo blog anche perché l'originalità del nome lo esigeva...
      I tuoi disegni mi piacciono, figli del vecchio e nuovo underground: un mix di Robert Crumb e Aleksandar Zograf che a me piacciono molto...
      Quello di Star Trek mi piace parecchio, poi io sono un fan della serie...

      A presto...

      Elimina
  9. Ciao Ned

    Grazie x la risposta e scusa la mia autoreferenzialità , cerco sempre di capire che impressione fanno le mie cose , dal momento che chiaramente non riesco ad essere imparziale + di tanto ; interessante che tra i 2 autori che citi non c'è nessuno dei miei favoriti , di Zograf poi avrò un paio di storie brevi su qualche antologia ...

    Ci vediamo ...

    RispondiElimina
  10. il link anni '90 porta agli anni '80. ocio. :)

    RispondiElimina
  11. Ciao Ned, da qualche mese sto leggendo questo tuo progetto "300" e l'ho trovato molto illuminante ma soprattutto molto utile e interessante, ti volevo fare i complimenti per la professionalità e la passione con cui curi il progetto.
    Sul mio blog avevo intrapreso un percorso di scoperta del fumetto e il tuo lavoro mi è utilissimo sia per allargare ulteriormente i miei orizzonti sia per una conoscenza strattamente tecnica del mezzo.

    Ti segnalo in ultimo il link errato agli anni 50 che punta ai 40.

    Ancora grazie e complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,

      grazie mille per le tue parole... conosco anch'io il tuo blog e non posso che farti i complimenti anch'io al di la dei post dedicato ai fumetti ma anche per tutti quelli dedicati ai libri: belle le scelte e soprattutto molto concise le recensioni. Quella di Guerra e pace è ottima:)

      Grazie per la segnalazione ... Vediamo se questa volta riesco a correggerla..
      A presto.

      Ned

      Elimina

I testi apparsi su "Avventure di carta" sono tutti scritti da Ned (Nedeljko Bajalica) e possono essere pubblicati anche altrove, con la raccomandazione di citare la fonte e gli autori!

Le immagini sono qui inserite al solo scopo di documentazione e sono © degli aventi diritto.