Translate

Chi cerca... Trova!

mercoledì 26 marzo 2014

Ritorno al passato: The Mind



Alberto Becattini e Massimo Gamberi
L' ANAFI (Associazione Nazionale Amici del Fumetto e dell'Illustrazione) da oltre vent'anni si occupa di promuovere e far conoscere il fumetto, soprattutto quello americano e italiano di stampo classico; pubblica una bellissima e documentatissima rivista trimestrale, Fumetto, si occupa di far conoscere al pubblico italiano grandi classici e inediti del fumetto attraverso una serie di pubblicazioni per lo più riservate ai soci (per chi fosse interessato a iscriversi vada a questa pagina).
Recentemente è uscito un albo davvero curioso che attira l'attenzione di chi, come il sottoscritto, è appassionato di fumetti classici.
L'albo si chiama The Mind ed è un sincero e appassionato omaggio ai comics americani degli anni '30, quelli che uscivano sotto forma di daily strip sulla maggior parte dei quotidiani.
Cover dell'albo The Mind.
Sfogliando l'albo, ci troviamo di fronte a una serie di strisce datate 1934, anno in cui vedono l'esordio grandi eroi del fumetto come Terry e i pirati, Mandrake e soprattutto Flash Gordon del grande Alex Raymond. Le strip sono distribuite da una fantomatica Grim Features Syndacate e sono scritte e disegnate da un certo Al Maxwell. Ma che è Al Maxwell? Nient'altro che un nome fittizio dietro cui si nascondono il fumettologo e sceneggiatore Alberto Becattini e il disegnatore Massimo Gamberi la cui comune passione per le strip classiche americane ha portato a rendere un sincero omaggio a un'epoca irripetibile del fumetto.
Ed è proprio su Massimo che vorrei spendere qualche parola parlando della sua carriera artistica che l'ha visto esordire giovanissimo su Lazarus Ledd per cui disegna un paio di numeri.
Dopo un lungo periodo d'inattività Massimo riprende la matita e grazie all'ANAFI pubblica nel 2010 una storia dal titolo Mandhro (rivista Fumetto numero 74 maggio 2010) mentre nel 2012 realizza la cover per il volume che sempre l'ANAFI dedica a uno dei personaggi più belli del fumetto: Captain Easy.
Con The Mind Massimo ha la possibilità di omaggiare uno dei suoi idoli, il grande Alex Raymond creatore di un formidabile poker d'assi di personaggi: il già citato Flash Gordon, Jungle Jim, Agente segreto X-9 e Rip Kirby, il fumetto della sua piena maturità artistica. I disegni di Massimo sono curati fino al minimo dettaglio, sia nelle figure che nelle scenografie e rappresentano una sua (e di Alberto Becattini) personale e sentita rivisitazione di un periodo indimenticabile del fumetto americano.
Massimo se la cava molto bene sia con l'espressività dei volti (che talvolta ricordano lo stile di Claudio “Tex” Villa) che con le sequenza d'azione in cui si nota di più l'influenza di Raymond e soprattutto di AL Williamson.
Sfogliando The Mind (che racconta le avventure di un eroe che si fa chiamare “La Mente”) non possiamo far altro che gustarci questo affettuoso omaggio cogliendone i vari particolari: l'alternanza delle strisce giornaliere con le tavole domenicali (tipico dei quotidiani americani), riferimenti a Chuck Jones e al cinema hollywoodiano del periodo e altre piccole piacevolezze che un lettore appassionato potrà divertirsi a cogliere.
Leggendo questo volumetto si ritorna indietro nel tempo e non possiamo far altro che ringraziare Alberto Becattini e Massimo Gamberi per questo bel ritorno alle origini.  

Una bella "Sunday Pages" realizzata dal bravissimo Massimo Gamberi

Nessun commento:

Posta un commento

I testi apparsi su "Avventure di carta" sono tutti scritti da Ned (Nedeljko Bajalica) e possono essere pubblicati anche altrove, con la raccomandazione di citare la fonte e gli autori!

Le immagini sono qui inserite al solo scopo di documentazione e sono © degli aventi diritto.