Translate

Chi cerca... Trova!

venerdì 31 agosto 2012

300: Leonard Starr - Mary Perkins, Flash Story


 Milano Libri, 1971
(USA, On Stage, 1957)

"Ho intenzione di fare di lei uno dei personaggi più noti del paese."
(Mr. Cardel, editore della rivista View rivolto a Mary)

Leonard Starr

Mary Perkins – On Stage è il mio fumetto rosa preferito. Lo preferisco a The heart of Juliet Jones ( Giulietta del mio Cuore) di Stan Drake, Robin Malone di Bob Lubbers, Jane di Norman Pett e Tiffany Jones di Jenny Butterwort e Pat Tourret. Le ragioni sono tante ma una domina su tutte: amo i disegni di Leonard Starr, artista americano nato a New York nel 1925 e formatosi artisticamente realizzando comic book come Sub Mariner e Don Winslow.
Quando lessi Mary Perkins per la prima volta, non riuscivo a staccare gli occhi dai disegni: tratto elegante, taglio cinematografico nelle inquadrature, visivamente curato negli ambienti e nel riproporre la moda del periodo, Starr creava una serie di personaggi la cui vita ruotava intorno ai riflettori di Brodway, facendoci pervenire un veritiero spaccato del mondo dello spettacolo.
Ma naturalmente la vera stella del fumetto è lei, la bellissima Mary.
Mary Perkins e il segno di Leonard Starr hanno hanno una cosa in comune: l'eleganza.
In questo volume, intitolato Flash Story assistiamo all'episodio che cambierà la vita della brunetta acqua e sapone.
Arrivata a New York col sogno di fare l'attrice e dopo essere stata vittima di un impresario senza scrupoli, di un regista letteralmente impazzito e senza un soldo in tasca, vediamo Mary guadagnarsi da vivere come sigaraia in un night-club, dove viene notata dal direttore della rivista “View”, che vuole prendere una perfetta sconosciuta per farne una star e dimostrare la potenza mediatica della sua rivista. Inizia così l'avventura della brunetta più bella del fumetto rosa, che dall'oggi al domani si ritrova catapultata in un mondo fatto di riflettori e palcoscenici, in cui si muove con gustoso imbarazzo.
Mary e Peter: tenere incomprensioni.
Leonard Starr è davvero bravo (e non finirò mai di ripeterlo) nel costruire le storie: grazie a una serie di personaggi ben delineati, come la cantante Flora Deeds, l'editore Andrew Cardell e soprattutto il fotografo Peter Fletcher, l'artista americano realizza una serie di strisce giornaliere e tavole domenicali davvero superlative, che catturano l'attenzione del lettore per l'attenta ricostruzione del periodo oltre che per le storie che, forse per la prima volta, analizzano il dietro le quinte dello spettacolo dove Mary si muove tra affermati professionisti, cinici tele reporter e vecchie glorie cadute in disgrazia. La storia di JoJo Cole ne è un esempio perfetto: comico alla ribalta nei ruggenti anni '30, JoJo è stato accantonato da quel mondo dello spettacolo all'avanguardia e quando viene ripescato per recitare accanto a Mary, sarà proprio da quest'ultima che riceverà lo stimolo e la forza di tirare fuori la grinta dei vecchi tempi.
Una serie di vignette rimontate per edizione della Milano libri.
Ma Mary Perkins – Flash Story oltre a fotografare i retroscena di Mary attrice, si focalizza sulle sue vicende sentimentali con il fotografo Peter Fletcher, lo stesso che l'ha resa famosa grazie alle sue foto. E sono le situazioni romantiche tra i due a costituire una delle carte vincenti della serie di Starr, che sfodera tutto il suo talento artistico nel regalarci vignette fatte di baci, abbracci al tramonto ma anche delle classiche litigate di coppia, mai banali, mai ripetitive e mai noiose. E l'autore segue le vicende di Mary “in progress” e cioè tenendo conto dello scorrere del tempo: infatti Mary diventerà una vera star, cambierà pettinatura, sposerà Peter e naturalmente invecchierà così come i suoi lettori che la seguiranno fino al 1979 anno della chiusura della serie.
Con Mary Perkins – One Stage, Leonard Starr ha creato un fumetto mantenuto sempre su ottimi livelli artistici e narrativi. E nonostante il suo tratto sia maturato nel corso degli anni io continuo sempre a prediligere le prime avventure di Mary, dove un disegno realista ed elegante si sposava con delle storie rosa e drammatiche in cui veniva raccontato il tanto famigerato sogno americano e Starr dipingeva New York come una succursale del paradiso. Ma è inutile ribadire che il bello dei comics è soprattutto questo.
Un fumetto da custodire gelosamente nella propria biblioteca e da rileggere, soprattutto in un'era come la nostra in cui i cuori che battono per lo shojo manga (il fumetto sentimentale giapponese) potrebbero riscoprire in questa lettura un'affinità romantica.
Per uomini e per donne.
On Stage: tavola domenicale del 1959.

Curiosità

Per motivi incomprensibili, Mary Perkins debuttò in Italia sulle pagine del Giorno con il nome di Mary Atkins


Altre edizioni

Quella consigliata è una delle due uscite in Italia: formato piccolo, vignette rimontate e qualità di stampa non proprio eccelsa. Ma è l'unico libro che racchiude le prime avventure di Mary. L'editoriale Dardo, nel gennaio del 1975 ha pubblicato una raccolta delle avventure di Mary già stella di Brodway e Hollywood dal titolo Mary Perkins – On Stage nella serie “I Dardo Pocket n. 11”.



Oltre 300: dello stesso autore non perdere...



2 commenti:

  1. Interessante il paragone tra "Mary Perkins" e lo Shojo Manga ; avedo molto amato i disegni di Starr non posso che propendere x lui ; x quanto banali e forse superficiali , tra queste storie e i manga sentimentali c'è la stesa differenza che c'è tra una commedian della Hollywood degli anni '50 e una delle "Ficscion" di adesso : stessi i temi , ma quanta differenza nello svolgimento !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le storie di Starr si rileggono sempre con piacere... sono ben scritte e splendidamente disegnate; adoro questo artista!!

      Elimina

I testi apparsi su "Avventure di carta" sono tutti scritti da Ned (Nedeljko Bajalica) e possono essere pubblicati anche altrove, con la raccomandazione di citare la fonte e gli autori!

Le immagini sono qui inserite al solo scopo di documentazione e sono © degli aventi diritto.