Translate

Chi cerca... Trova!

lunedì 4 marzo 2013

300: C. Scott Morse – Soulwind libro primo-Il ragazzo dal pianeta terra

Editrice Punto Zero, 2001
(USA, Soulwind Book One - The Kid From Planet Earth, 1997)

Ti abbiamo portato qui per salvare il nostro pianeta...”
Ok... basta che sia a casa prima di sera.”
(Dialogo tra Poke e Nick)

La fresca pennellata di Morse negli
affascinanti disegni del prologo.
C. Scott Morse
Da tempo sostengo che gli artisti operanti nel mondo dell'animazione hanno una marcia in più. Non c'è da stupirsi, vista la mole di lavoro che devono smaltire in tempi stretti. Disegnano talmente tanto che alla fine acquisiscono una mano formidabile e niente per loro è impossibile. E' sufficiente che vi facciate un bel giro tra i vari blog di animatori sparsi nella rete perché possiate rendervi conto di quello che ho detto; vi troverete davanti veri e propri spettacoli disegnati. Penso a Cyril Pedrosa, tanto per citare un artista proveniente dall'animazione e autore di un capolavoro come Tre Ombre. Ma anche a Ronnie Del Carmen, Rodolfo Damaggio, Frank Stockton, Carlos Meglia, tutti artisti formidabili con un gran bel “pedigree”.
Non è da meno C. Scott Morse che ha solo venticinque anni quando inizia a lavorare alla saga di Soulwind, dimostrando di essere un fuoriclasse nato. Con già all'attivo un piccolo gioiello come Presenze, Morse si addentra nel genere fantasy, che sembra calzargli a pennello, e crea una saga che unisce il mondo delle fiabe a quello fantastico.
Soulwind è una storia epica suddivisa in cinque volumi che attendono tutt'oggi qualche coraggioso editore nostrano disposto a racchiuderli in uno di quei bei volumoni patinati che tanto vanno di moda. Perché Soulwind va letto tutto d'un fiato per gustare appieno la creatività e la fantasia con cui l'artista americano concepisce la storia.

L'arrivo di Nick/Capitan Crash dalla Terra direttamente sul pianeta che dovrà salvare dal malvagio tiranno.
Il primo libro, Il ragazzo dal pianeta Terra ne è un perfetto esempio; vediamo il giovane Nick catapultato in uno strano pianeta popolato da creature bizzarre che lo hanno rapito: il ragazzo, infatti, rappresenta l'unica speranza di salvezza per il loro pacifico mondo, affinché esso non cada nelle grinfie di un malvagio tiranno. Per Nick, ragazzino abituato a giocare come ogni suo coetaneo, quella in cui si trova coinvolto è un'avventura emozionante, e lui è ignaro della grande responsabilità per cui è stato scelto: “...basta che sia a casa prima di sera!” esclama divertito ai suoi simpatici amici in realtà profondamente turbati per il loro avvenire. Per lui è tutto un gioco, un gioco che ha le stesse fattezze delle numerose avventure fantastiche che popolano la mente di un adolescente; e Morse dimostra, con questa bellissima fiaba, come non vi sia limite alla fantasia e all'originalità, dimostrata dall'autore fin dalle prime pagine con un superbo prologo e un altrettanto superbo epilogo in cui l'artista narra una breve parabola, illustrandola con una serie di pennellate che delineano le figure senza l'uso di contorni, come a volersi affidare all'immaginazione del lettore, che da un segno fortemente impressionista si ritrova poi nel mondo fantastico che i pennelli di Morse sono stati in grado di creare. Un segno dinamico e fresco, in ogni pennellata data in modo deciso e sicuro; strepitose tutte le caratterizzazioni dei personaggi accentuate da una forte espressività tipica di chi “mastica” continuamente pennelli e inchiostro di china.
Un fumetto che non si può non amare, bello in ogni vignetta, splendidamente disegnato e ricco di quell'immaginazione e creatività che ogni fumetto dovrebbe possedere.
L'eterna rivisitazione della lotta tra il bene e il male ha nella saga di Soulwind una rappresentazione poetica e originale. E in Morse uno degli autori più talentuosi del terzo millennio.

Il suggestivo mondo fantasy di Soulwind negli splendidi disegni di C. Scott Morse.

Curiosità: C. Scott Morse ha lavorato come direttore artistico presso gli Universal Studios.
Per realizzare Soulwind, Morse ha attinto dalla mitologia celtica, da quella religiosa, dalla leggenda di Re Artù oltre che dalla filosofia orientale.

Edizione consigliata e altre edizioni: premetto che, nella scelta per 300, ho optato per il primo volume ma il mio consiglio si estende alla lettura di tutti e cinque i capitoli della saga. Il volume consigliato è ottimo, come tutte le edizioni della compianta Punto Zero. Traduzione di Andrea Plazzi e Fabio Melatti.
Non esistono, a oggi, altre edizioni.

Nessun commento:

Posta un commento

I testi apparsi su "Avventure di carta" sono tutti scritti da Ned (Nedeljko Bajalica) e possono essere pubblicati anche altrove, con la raccomandazione di citare la fonte e gli autori!

Le immagini sono qui inserite al solo scopo di documentazione e sono © degli aventi diritto.