Translate

Chi cerca... Trova!

mercoledì 19 settembre 2012

300: Ernie Bushmiller - Arturo e Zoe, due bambini allo specchio

Editoriale Corno, 1973
(USA, Nancy, 1933)

C'è una sola battaglia in cui avresti possibilità di vincere... UNA LOTTA CON PRESA DI CAPELLI!”
(Zoe ad Arturo)
Ernie Bushmiller
Conoscete un disegnatore che si chiama Larry Whittington? Se fossi un telepate, sono sicuro che in questo momento non riuscirei a sentire delle risposte affermative. E non mi stupirebbe la cosa dato che Whittington è un artista anonimo, che ha creato una strip dal titolo Fritzi Ritz che sarebbe divenuta un grande successo n egli anni a seguire. Ma il merito non sarebbe andato a lui, che rimarrà nell'anonimato per sempre ma a un giovane artista talentuoso che ad appena tre anni dalla creazione della strip e del conseguente abbandono di Whittington, fece di una modesta striscia quotidiana un piccolo gioiellino talmente amato dai lettori americani da decretarne un meritato successo nazionale e non.
Ernie Bushmiller: tratto lineare, pulito, essenziale, come la testa rapata del suo personaggio.
Il disegnatore era Ernie Bushmiller, classe 1905 che si era fatto le ossa all'Accademia nazionale del disegno frequentando i corsi serali. Una volta ereditata la strip Fritzi Ritz, Bushmiller iniziò a operare quei piccoli cambiamenti che lo portarono, nel 1933, ad avere quel colpo di genio che ne decretò l'ascesa. E quel colpo di genio rispondeva al nome di Nancy ( in Italia Zoe), una piccola bimba bruna, nipote della protagonista a cui pin piano ruberà la scena tanto da diventare, nel 1940, l'assoluta protagonista della strip arrivando perfino a imporre il suo nome come nuovo e definitivo titolo.
Nancy è una bimba sveglia, intelligente, con una filosofia quasi adulta, furba, piena di idee geniale e soprattutto bravissima a tenere testa a tutti i coetanei maschi che affollano la strip di Bushmiller, in particolare il suo amichetto pelato Sluggo (in Italia Arturo) che di sicuro non brilla d'intelligenza coma la tenace protagonista.
Zoe, sempre alla ricerca di idee originali per attirare l'attenzione di Arturo.
Rileggere oggi le strisce di Arturo e Zoe è un'esperienza molto gradevole; il disegno di Bushmiller è lineare, preciso, osserviamo le sue strip e abbiamo la sensazione che ogni cosa sia al suo posto, perfino i capelli rasati di Arturo sono perfettamente allineati. Le avventure di Arturo e Zoe sono semplici, prive di qualsiasi allusione e con una comicità che punta sulla battuta autoconclusiva senza mai scadere nella semplice barzelletta. E con una protagonista come Zoe, Bushmiller si diverte e ci diverte a farci vedere, oltre mezzo secolo fa, come il sesso ritenuto debole surclassasse quello forte, grazie all'amicizia-rivalità dei due piccoli protagonisti, che hanno il doppio merito di appagare il lettore più esigente in una lettura sociologica e il lettore più distratto a una lettura di puro intrattenimento comico.
Ha fatto epoca la strip di Bushmiller. È stata amata e Zoe è diventato un piccolo modello per diversi piccoli eroi che seguiranno a riempire le pagine dei quotidiani americani.
Del resto la piccola Zoe è saputella, filosofa e desiderosa di dominare Arturo il suo amichetto dal testone grosso e calvo.
Non vi ricorda qualcuno?
Il ricco Rollo si oppone ad di Arturo, povero e senza un centesimo dando il via a una serie di gag divertenti.

Curiosità

Bushmiller ha disegnato la strip fino alla sua morte avvenuta nel 1982. Dopo di che la striscia ha avuro un periodo non proprio florido durato fino al 1995 anno in cui fu ripresa dai fratelli Brad e Guy Gilchrist che hanno fatto ritornare Zoe una stellina di successo, ridonandole una freschezza artistica (un po' retro) molto vicina a quella del suo creatore.
Un successo che dura da oltre settant'anni.






Nessun commento:

Posta un commento

I testi apparsi su "Avventure di carta" sono tutti scritti da Ned (Nedeljko Bajalica) e possono essere pubblicati anche altrove, con la raccomandazione di citare la fonte e gli autori!

Le immagini sono qui inserite al solo scopo di documentazione e sono © degli aventi diritto.